×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies tecnici e sono inviati cookies di terze parti per gestire i login, la navigazione e altre funzioni. Cliccando 'Accetto' permetti l'uso dei cookie, cliccando 'Rifiuto' nessun cookies verrà installato, ma le funzionalità del sito saranno ridotte. Nell'informativa estesa puoi trovare ulteriori informazioni riguardo l'uso dei cookies di terze parti e la loro disabilitazione. Continuando nella navigazione accetti l'uso dei cookies.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Hai rifiutato i cookies. Questa decisione è reversibile.

 

Il Centro Specialistico e Multidisciplinare “Io APPrendo”, nato dalla collaborazione della Fondazione Paolo Sesto e Caritas ONLUS, accoglie i bambini con bisogni educativi speciali ed offre servizi di supporto allo studio specialistico con uso di tecnologie informatiche, oltre che progetti di tele-riabilitazione.

 


 

 

Il sito verrà presentato ufficialmente a Genova il 4 maggio ed è già disponibile on line.

Il 4 maggio a Genova si svolgerà la presentazione ufficiale del progetto SHAREHAB (Share rehabilitation resources) che letteralmente significa “condividere risorse per la riabilitazione”.

SHAREHAB è un sito dove genitori, insegnanti, terapisti, possono condividere informazioni ed esperienze su app e risorse digitali utili alla riabilitazione visiva dei bambini ipovedenti.

All’incontro saranno presenti l’Istituto Chiossone (che ha ideato il progetto), l’Istituto per le Tecnologie Didattiche del CNR (partnership scientifica) e Fondazione Vodafone Italia (finanziatore).

locandina dell’evento (pdf 48 kB)

 


 

 

di Salvatore Nocera

«La Legge 104/92 – scrive Salvatore Nocera – ha costituito l’asse portante dell’integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Oggi però, alla luce dei nuovi orientamenti culturali sulla disabilità, necessita di essere aggiornata. E tuttavia, gli schemi dei Decreti Delegati di riforma recentemente presentati dal Governo non ne tengono conto, oltre a non riconoscere organismi importanti come i Centri Territoriali di Supporto e di Inclusione. Senza modifiche sostanziali, quindi le Associazioni delle persone con disabilità hanno già minacciato di intraprendere forti iniziative di protesta»

Quando fu approvata venticinque anni fa, la Legge 104/92 costituì l’asse portante dell’integrazione scolastica... continua a leggere

 


 

   L'Associazione Italiana Dislessia,  sezione di Pescara terrà il giorno 25 Marzo 2017 il convegno dal titolo "Il Piano Didattico Personalizzato tra clinica, didattica e applicazione", rivolto a docenti, tecnici e genitori.

   Il convegno  si terrà presso la sala consiliare del comune, sita in piazza Italia n. 1; la partecipazione è gratuita.

     << Locandina del convegno >> 

 


 

    La Cooperativa Sociale Polis, in collaborazione con I'Associazione ALBA Onlus e la Fondazione Oltre le Parole Onlus di Pescara, organizza il corso di formazione in oggetto.

   La partecipazione sarà GRATUITA e la durata complessiva sarà di 20 ore.

 L'invito è rivolto ad assistenti scolastici specialistici, docenti curricolari e di sostegno delle scuole di ogni ordine e grado che lavorano con alunni affetti da autismo, che vogliano approfondire la conoscenza dei disturbi dello spettro autistico e degli strumenti per favorire l'integrazione scolastica.

  Il corso si svolgerà in orario pomeridiano, dalle ore 15:00 alle ore 19:00, nei giorni 23 Febbraio, 10-14-21-27 Marzo 2017 a Pescara.

La sede verrà comunicata appena disponibile.

                                                                                                             Presidente Direttore Generale

                                                                                                                            Coop Polis

                                                                                                                     Piombaroli Gianfranco                                                                                     

Allegato: Programma del corso e scheda di adesione (DOC)

 

Per informazioni, contattare la segreteria di ALBAONLUS, al n. 320-6270813, oppure la segreteria della Cooperativa Polis al n. 085-375156 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 


 

da SUPERANDO.IT

4 gennaio 2017

 

«Presenta molte ombre – scrive Salvatore Nocera – il quadro che emerge dal rapporto annuale ISTAT sull’"Integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di primo grado”, relativo all’anno scolastico 2015-2016 e solo l’emanando Decreto Delegato applicativo della Legge 107/15 potrebbe fugarle, volendo realmente provvedere con interventi immediati e globali a migliorare la qualità dell’inclusione». Allo stesso Nocera affidiamo una sintesi in tredici punti del rapporto ISTAT, cercando in tal modo di fornire un’informazione (e un commento) il più esauriente possibile... leggi tutto l'articolo

 

( in fondo all'articolo si ribadisce... Sembra tuttavia che gli strumenti organizzativi più idonei per tale compito, costituiti dai CTS (Centri Territoriali di Supporto) e previsti solo da una Circolare Ministeriale, non abbiano ancora ricevuto l’ingresso ufficiale nella bozza dell’emanando Decreto Delegato sull’inclusione di cui al punto 6 della lettera c) del comma 181 della Legge 107/15.)

 


 

da SUPERADO

 

Si tratta dei CTS (Centri Territoriali di Supporto), ben 106 su tutto il territorio nazionale, che secondo i promotori di un recente incontro a Roma, «sono e ancor più possono diventare gangli vitali per coordinare tutti i progetti, tutti i corsi, tutte le informazioni necessarie alla scuola, per consentire un servizio che garantisca a livello nazionale l’informazione, la mediazione, la divulgazione, la formazione e il servizio. Un vero “tesoro”, ai fini dell’inclusione di alunni con bisogni speciali, che però il Ministero dell’Istruzione non sembra consapevole di possedere»...

continua la lettura...

 


 

da SUPERANDO.IT

Scuola e Associazioni si interrogano: il Ministero ascolta?

di Nicola Striano, Francesco Fusillo, Fernanda Fazio e Rosaria Brocato

Divisi in dieci gruppi d’interesse, oltre cento tra docenti curricolari, specializzati, universitari, dirigenti, pedagogisti, psicologi, rappresentanti di associazioni professionali e di persone con disabilità, assistenti, genitori e ragazzi provenienti da varie parti d’Italia, hanno accettato il 15 novembre a Roma di lavorare insieme, riflettere e mettere a punto una serie di proposte condivise e attuabili per la nuova Legge sull’inclusione scolastica, che si sta discutendo al Ministero. Ma il Ministero li ascolterà?

Si è svolto a Roma il 15 novembre scorso, presso la Fondazione Ernesta Besso, l’evento intitolato Legge Delega sull’Inclusione: stato dell’arte e proposte, innovativo incontro organizzato dal CTS (Centro Territoriale di Supporto) dell’IPSSS (Istituto Professionale Servizi Socio Sanitari) Edmondo De Amicis di Roma, con il Dipartimento Scuola di FIABA ONLUS [se ne legga anche la presentazione del nostro giornale, N.d.R.], alla presenza di oltre cento tra docenti curricolari, specializzati, universitari, dirigenti, pedagogisti, psicologi, rappresentanti di associazioni professionali e di persone con disabilità, assistenti, genitori e ragazzi provenienti dalle più disparate parti d’Italia, che hanno accettato di lavorare insieme, riflettere e mettere a punto una serie di proposte per la nuova Legge sull’inclusione in discussione al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Per un’intera giornata, dunque, i partecipanti hanno lavorato divisi in dieci gruppi di interesse e al termine ciascun gruppo ha prodotto un documento che sarà perfezionato online, su un’agorà virtuale aperta a tutti i gli intervenuti.  Il documento conclusivo verrà poi consegnato al ministro Stefania Giannini.

CONTINUA LA LETTURA ...